FONDO IMPRESA DONNA

Il fine del bando è di realizzare gli obiettivi, stabiliti dalla legge, di promozione e sostegno all’avvio e al rafforzamento dell’imprenditoria femminile, nonché di sviluppo dei valori imprenditoriali presso la popolazione femminile e di massimizzazione del contributo alla crescita economica e sociale del Paese da parte delle donne.
L’apertura dei termini e le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione sono definite dal Ministero con successivo provvedimento, con il quale sono, altresì, fornite le necessarie specificazioni per la corretta attuazione degli interventi.
Possono presentare domanda le imprese femminili (⅔ donne) o lavoratrici autonome di micro e piccola dimensione con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, costituite e iscritte al registro delle imprese da non più di cinque anni alla data di presentazione della domanda.
Le iniziative devono essere realizzate entro ventiquattro mesi dalla data di trasmissione del provvedimento di concessione delle agevolazioni controfirmato dall’impresa femminile beneficiaria e la spesa massima ammissibile è di € 250.000,00. Le agevolazioni assumono la seguente articolazione:
1. per i programmi che prevedono spese ammissibili non superiori a €100.000,00, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili e comunque per un importo massimo del contributo pari a €50.000,00.
2. per i programmi che prevedono spese ammissibili superiori a €100.000,00 e fino a €250.000,00, le agevolazioni sono concesse fino a copertura del 50% delle spese ammissibili.
Le agevolazioni sono cumulabili e verranno concesse in regime de minimis. I fondi stanziati ammontano a 40 milioni di euro nel biennio 2021-2022.
Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello.
Sono ammissibili le spese relative a:
-immobilizzazioni materiali, con particolare riferimento a impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica;
-immobilizzazioni immateriali;
-servizi in cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
-personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda;
-esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese complessivamente ritenute ammissibili.
E’ possibile usufruire di un voucher di €2.000 a copertura del 50% del costo per l’acquisto di servizi specialistici di comunicazione digitale.
Sono ammissibili le spese che risultino sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione.
Le iniziative devono essere realizzate entro ventiquattro mesi dalla data di trasmissione del provvedimento di concessione delle agevolazioni controfirmato dall’impresa femminile beneficiaria e la spesa massima ammissibile è di € 400.000,00. Le agevolazioni assumono la seguente articolazione:
1. per le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi e da non più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse per il 50% dell’ammontare complessivo in forma di contributo a fondo perduto e, per il restante 50%, in forma di finanziamento agevolato a un tasso pari a zero, fino a copertura del 80% delle spese ammissibili;
2. per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, ferma restando la copertura del 80% delle spese ammissibili, l’articolazione di contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato prevista dalla medesima lettera si applica alle sole spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante costituenti spese ammissibili sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.
I finanziamenti agevolati:
a) hanno una durata massima di 8 (otto) anni;
b) sono a "tasso zero";
c) sono rimborsati, dopo 12 mesi a decorrere dall'erogazione dell'ultima quota dell'agevolazione, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate, scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno;
d) non sono assistiti da forme di garanzia;
Le domande di agevolazione sono valutate secondo l'ordine di presentazione, entro sessanta giorni dalla data di presentazione della domanda. Le imprese femminili beneficiarie, nel termine di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione del provvedimento di concessione trasmessa dal Soggetto gestore, restituiscono il provvedimento di concessione controfirmato digitalmente e trasmesso a mezzo posta elettronica certificata.
L'erogazione delle agevolazioni avviene in non più di due stati di avanzamento lavori (Il primo stato di avanzamento lavori, di importo non inferiore al 40% e non superiore all’80% delle spese ammesse) o in un’unica soluzione.

Tutti i bandi
M&G Engineering Consulting srl | Via Disciplini, 18 - 20123 Milano | P.IVA/C.F. 09488270969 - REA MI 2093573 - capitale sociale: 10.000,00€
Grafica, webdesign e seo: Studio Orasis design